La sua nuca

Vedevo la sua nuca
la mia ombra si allungava
quasi a toccarla

oltre l’orizzonte
si disegnavano
improvvisi giochi di correnti
e azzurri profondi

i pensieri restavano intrappolati
io incapace di soffrire oltre
leggevo presagi nei capelli
che fluttuavano scomposti

al flusso del vento i chiaroscuri
raccontavano cose nuove
la musica che conoscevo si sfuocava
il suono cercava nuovi equilibri
ritardava le mie attese si distorceva

ero immobile
il tempo di una morte
impossibile da accettare
che sgretolava il passato ed il futuro

il presente si schiantò
nel mio silenzio
con fragore assordante
non ho coraggio per chiedermi
quanto sono ancora vivo .

 

donna-di-spalle-con-capelli-lunghi

Un pensiero su “La sua nuca

  1. I just wanted to compose a simple comment in order to appreciate you for those remarkable information you are giving out at this site. My time-consuming internet research has now been compensated with sensible facts and techniques to go over with my pals. I ‘d claim that most of us website visitors actually are really endowed to live in a decent community with very many awesome individuals with great secrets. I feel quite grateful to have discovered your entire webpage and look forward to really more cool times reading here. Thanks once more for everything.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *